Palumbo e Anesi nel cross di Marco

10 Dicembre 2019

Linda Palumbo (Atletica Clarina) e Stefano Anesi (Atletica Trento) si sono imposto nel Cross di Marco, atto conclusivo del GP GtAuto di cross e valido per l'assegnazione dei titoli regionali master


 

L’azzurrina Linda Palumbo (Atletica Clarina) ed il pinetano Stefano Anesi (Atletica Trento) hanno firmato stamane il tradizionale Cross di Marco, ultimo appuntamento annuale con la corsa campestre e atto conclusivo del Grand Prix GTAuto di Cross, evento proposto dall’Us Quercia Trentingrana in collaborazione con la locale Unione Sportiva Marco. Teatro della disfida, ancora una volta, i campi che circondano la frazione a sud di Rovereto. 

I meleti lagarini hanno dunque visto al femminile prevalere la ventenne siepista Linda Palumbo, pronta a coprire i quattro chilometri previsti per la gara senior femminile in 16’11, con netto margine sull’aquilotta Alice Frizzi (Atletica Trento, 17’22) mentre in terza posizione si inseriva Silvia Battisti (Lagarina Crus Team).

In campo maschile a fare la voce grossa è stato invece il ventunenne pinetano Stefano Anesi (Atletica Trento) che al termine degli 8 chilometri ha avuto la meglio dello scalatore altoatesino Hannes Perkmann e del fratello minore Marco Anesi (US Quercia Trentingrana) che è così salito sul gradino più basso del podio lasciandosi alle spalle il compagno di team Emanuele Franceschini (Us Quercia Trentingrana) ed i due portacolori dell’Atletica Trento Luca Geat e Michele Vaia.

Scendendo tra gli junior, al femminile vittoria per la padrona di casa Sofia Filippini (us Quercia Trentingrana), imitata al maschile dal trevigiano Simone Masetto mentre le gare under 18 hanno premiato da un lato il lagarino Daniel Rocca (Lagarina Crus Team) e dall’altra l’azzurrina altoatesina della corsa in montagna Katja Pattis.

Molto partecipate le prove dei cadetti (under 16): il campione tricolore delle siepi Simone Valduga (Us Quercia Trentingrana) ha vinto un nuovo capitolo della sfida in casa con il valsuganotto Francesco Ropelato (Us Quercia Trentingrana), campione italiano in carica di categoria nella specialità; il podio tutto gialloverde è stato quindi completato da Davide Barozzi (Us Quercia Trentingrana).

Tra le cadette è stata quindi l’Atletica Valle di Cembra a sorridere grazie all’irresistibile allungo di Lia Nardon, pronta a superare l’altra valsuganotta Valeria Minati (Us Quercia Trentingrana) e la veronese Alice Dolci.

Le sfide di Marco erano valide anche per l’assegnazione del titolo regionale individuale master: prove under 35 decisamente affolate, con la gardesana Diana Dardha (Atletica Alto Garda e Ledro) ad imporsi al femminile davanti all’ingegnere di Borgo Sacco Claudia Andrighettoni (Us Quercia Trentingrana), mentre la gara master maschile ha visto prevalere il giudicariese Igor Targhettini (Atletica Valchiese) davanti al cembrano Alessio Loner (Atletica Valle di Cembra).

 

Tutti i Risultati



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate