Pietro Riva pb sulla mezza a Valencia

28 Ottobre 2018

Bel progresso del 21enne azzurro Riva in 1h02:19 lo scorso 28 ottobre in Spagna


 

In evidenza il giovane azzurro Pietro Riva, protagonista di un notevole progresso cronometrico per scendere a 1h02:19, migliore prestazione italiana del 2018 con il 26° posto in gara. Quasi tre minuti in meno rispetto al crono di esordio sulla distanza, un anno fa a Treviso con 1h04:55. Il 21enne piemontese delle Fiamme Oro, campione europeo juniores dei 10.000 metri nel 2015, ha ritoccato di recente tutti i primati personali su pista con 13:39.53 nei 5000 a Rovereto e 8:00.06 sui 3000 della sua Alba, oltre a quello dei 1500 (a Ferrara in 3:46.58). “Sono davvero contento - le parole di Pietro Riva - perché speravo in un tempo sotto l’ora e tre minuti, ma forse non di così tanto. Negli allenamenti infatti mi sentivo bene sui ritmi veloci, persino meglio rispetto a fine agosto quando ho fatto i personali su pista, e anche nei lavori più lunghi riuscivo a reggere bene”.

“Oggi c’erano condizioni ideali e sono partito forte, addirittura con un passo da 2:50 nei primi due chilometri. Poi mi sono trovato da solo nel tratto dal quinto all’undicesimo in cui sono riuscito a tenere un buon ritmo, passando in 29:20 al decimo che è più veloce del personale su pista (29:25.09 nel 2016, ndr) per raggiungere un paio di spagnoli. Da quel momento non ho più tirato, fino ad aumentare nella parte conclusiva. Ho capito quanto sia importante la continuità nella preparazione, che purtroppo non avevo avuto l’anno scorso a causa di un infortunio invernale. Per la prossima stagione punterò comunque soprattutto all’attività in pista, con l’obiettivo degli Europei under 23 sui 10.000 e anche nei 5000 metri. Si tornerà in Svezia di cui ho un bel ricordo, è lì che ho vinto il titolo europeo juniores. E vorrei migliorare ancora i miei record, c’è da costruire il motore prima di pensare ad allungare le distanze”.



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate