Ancona: ori con Bruni, Jacobs, Derkach ed Esercito

21 Febbraio 2021

Tricolori assoluti: titoli assoluti a Fiamme Gialle ed Esercito. Società: tra gli uomini 2° la Studentesca Milardi e 3° le Fiamme Gialle Simoni; ACSI Italia Atletica 2° tra le donne

 

di Lorenzo Bufalino

Conclusi i tricolori assoluti indoor ad Ancona, con una seconda giornata positiva per gli atleti laziali. Arrivano altri quattro titoli, dopo i due di ieri, con Marcell Jacobs nei 60 metri, Roberta Bruni nell’asta, Dariya Derkach nel triplo e la staffetta 4x2 giri dell’Esercito. Sono in totale 12 le medaglie conquistate, con 6 titoli, due argenti e quattro bronzi. A livello societario vincono tra gli assoluti Fiamme Gialle al maschile ed Esercito al femminile, mentre nel campionato di società, che ha messo in classifica tutti i punteggi delle varie rassegne tricolori, secondi e terzi tra gli uomini sono rispettivamente Studentesca Milardi e Fiamme Gialle Simoni mentre è seconda l’ACSI Italia Atletica tra le donne.

RISULTATI  - LE FOTO (di Francesca Grana/FIDAL) 

POKER D’ORO – Ad aprire le danze ci ha pensato Roberta Bruni (Carabinieri) che nella gara di salto con l’asta vince il titolo grazie al suo salto a 4,41, un centimetro meglio dello stagionale. Anche tre tentativi a quota 4,51, di poco sfiorati, per l’atleta allenata da Riccardo Balloni che vince l’ennesimo titolo della sua carriera.

Delusione per Sonia Malavisi (Fiamme Gialle) che si ferma a 4,00 metri e gioia per la campionessa italiana under 20 Giulia Valletti Borgnini (Fiamme Gialle Simoni) che arriva quarta volando a 4,15.

Marcell Jacobs (Fiamme Oro) è il re indiscusso della velocità, dominando la gara dei 60 portandosi a casa il titolo che lo proietta verso gli Europei indoor di Torun. Per il veneto che si allena all’Acquacetosa con Paolo Camossi, arriva in finale il tempo di 6.55 rimandando l’attacco al primato italiano di Tumi.

Una bellissima e ritrovata Dariya Derkach (Aereonautica) sfodera la classe della campionessa. L’aviera è tornata a volare in pedana dopo un periodo no, e a vincere il titolo Italiano nel triplo. Ancora come a Padova, la laziale azzecca l’ultimo salto scavalcando tutte le avversarie con il suo 13,82 che gli vale il personale stagionale.

In chiusura vittoria per la staffetta del miglio dell’Esercito con Alice Mangione in prima, Valentina Cavalleri, la veterana Marta Milani e Raphaela Lukudo in ultima frazione. Il tempo per l’esercito è di 3:38.42.

ARGENTI – Tra le due medaglie di argento, c’è quella di Victor Curcuianu (Campidoglio Palatino).

Il ragazzo, dello storico club romano, aspetta l’ultimo giro per entrare in moto, nella gara tiratissima sin dal primo metro. Nel gruppetto inseguitore, Curcuianu sfodera una bella progressione finale fino agli ultimi 50 metri quando si prende con il tempo di 1:49.06 il secondo posto. Alice Mangione (Esercito) invece è seconda nella gara dei 400 metri. La siciliana di casa a Roma parte in scia di Folorunso e soprattutto di Borga che, con un bel secondo giro in progressione, vince il titolo, davanti a Mangione che prova a rinvenire per l’oro ma niente da fare. Cronometro che si ferma a 53.01, personale ma con il rimpianto di aver sfiorato il pass per Torun fissato a 53.00. Sfiora la medaglia invece Eloisa Coiro (Fiamme Azzurre) che arriva quarta con 53.50 e terzo posto svanito per un nulla negli ultimi metri. Al maschile invece è quarto Lorenzo Benati (Roma Acquacetosa) con 47.81.

BRONZI – Tre sono i bronzi di giornata, due dalla pedana del getto del peso. Prima Sebastiano Bianchetti (Polizia) arriva terzo con 18,91, poi Martina Carnevale (Studentesca Milardi) in chiusura di campionato sale sul terzo gradino del podio con il miglior lancio a 14,87. Nella pedana del triplo invece ritorno in un podio tricolore per Daniele Cavazzani (Studentesca Milardi) che salta a 15,81 al secondo salto, misura 10 cm in più dell’altro laziale Simone Forte (Fiamme Gialle) quarto a fine gara.

File allegati:
- RISULTATI
- IL RACCONTO NAZIONALE

La 4x2 dell'Esercito | Francesca GRANA/FIDAL


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate