Cadetti. Piemonte sesto a Rieti

08 Ottobre 2018

Quattro le medaglie individuali. Due ori (Great Nnachi nell'asta e Ludovica Cavo sui 300hs) e due argenti (Mattia Jason Ndongala sui 100hs e Luca Miglio nel disco)


 

Si chiude con il sesto posto nella classifica combinata l’avventura della squadra u16 del Piemonte al Campionato Italiano Individuale e per Regioni Cadetti. A Rieti la nostra regione conferma il piazzamento di squadra di un anno fa a Cles, frutto del quinto posto nella classifica femminile e del settimo in quella maschile. Quattro le medaglie individuali (due ori – entrambi femminili -, due argenti) che lanciano bei segnali per il futuro.

Ne è convinta il Fiduciario Tecnico Regionale Clelia Zola: “I due titoli italiani vengono da due ragazze al primo anno di categoria; per entrambe il risultato tecnico è notevole come testimonia la prossimità con la MPI u16. Sono talenti di bella prospettiva che, però, vanno lasciati crescere con calma. Non sono da meno le due medaglie d’argento, anche nel caso di Ndongala a pochi decimi dal primato italiano. Nel complesso il risultato di squadra è soddisfacente; il sesto posto è frutto di un team molto giovane e, in molti casi, alla prima esperienza nazionale. Certo qualche controprestazione è sempre da mettere a bilancio, certo in alcune specialità siamo lontani dai vertici nazionali, ma in questa edizione abbiamo avuto moltissimi primati personali per cui sorridere.”

Nelle classifiche di specialità, quarto posto per il Piemonte nel gruppi lanci maschile e nel gruppo velocità-ostacoli femminile, quinta piazza per il mezzofondo/marcia femminile.

ORO. Due titoli italiani al femminile dunque per il Piemonte, entrambi da atlete classe 2004, al primo anno di categoria. Impressionante la progressione di Ludovica Cavo (Atl. Serravallese), neo campionessa italiana dei 300hs. Arrivata a Rieti con un primato personale sulla distanza di 45.12, fatto segnare sulla pista di Alessandria in occasione dei campionati regionali, si migliora nettamente già in batteria dove, con 44.75, è la più veloce di tutte. In finale si supera, scendendo per la prima volta sotto il muro dei 44.00, unica delle atlete in gara. 43.94 il suo crono, nuovo primato personale, che la fa diventare la quinta under 16 all-time.  Ma per chi ama le statistiche, c’è anche di più: tra le atlete al primo anno di categoria è seconda soltanto alla detentrice della MPI Ilaria Verderio che corse in 43.49 nel 2012.

Nell’asta non c’è storia. Great Nnachi (CUS Torino), 14 anni appena compiuti, nata a Torino da genitori nigeriani, conferma le buone prestazioni di un 2018 che l’ha vista salire fino a 3,55 eguagliando il record italiano, e dominare la graduatoria regionale nazionale. A Rieti la torinese entra in gara a 3,00 metri, superati al secondo tentativo, dopo il primo errore passa i 3,20 per poi superare al primo tentativo i 3,25, salto che le da già il podio. La vittoria arriva con i 3,30 superati al primo tentativo.

Prosegue poi la rincorsa al primato italiano superando i 3,50 al primo tentativo e tentando l’assalto ai 3,70: misura fallita ma l’appuntamento con il record sempre solo rimandato.

ARGENTO. Vola Mattia Jason Ndongala (Sisport) sui 100hs. Tra batteria e finale, il torinese migliora il suo primato personale di 62 centesimi portandolo a 13.27 (+0.7); chiude a soli 5 centesimi dal titolo italiano, in un avvincente testa a testa con il lombardo Paolo Gosio, atteso al successo. Bella prova dunque di Ndongala che, con 13.27, si piazza all’11mo posto delle liste all time di categoria.

E si migliora anche Luca Miglio (GAO Libertas Oleggio) nel disco, medaglia d’argento con il nuovo primato personale di 42,89 metri, misura subito ottenuta al primo lancio. Nella sua serie anche un 42,13 che eguaglia il suo precedente primato ottenuto a Donnas lo scorso 30 settembre.

DONNE. Brava Gaya Bertello (Novatl. Chieri) sugli 80 metri: dopo le batterie è terza con 10.21 (+1.1), suo nuovo primato personale, e conquista un posto nella lotta per le medaglie. Nella finale A chiude poi al quinto posto con 10.43 (-1.2). Sempre dallo sprint, 10.49 (+0.0) per Marta Pejretti (Atl. Team Carignano), impegnata negli 80 extra. 41.60 corsi in batteria valgono a Martina Canazza (Team Atl. Mercurio Novara) l’ingresso nella finale A dei 300 metri che le piemontese correrà in 41.52 conquistando il sesto posto finale. Nel mezzofondo sesto posto di Noemi Bogiatto (Atl. Saluzzo) sui 1000 metri in 3:04.70 e per la campionessa italiana di cross, Greta Michieli (ASD Borgaretto 75) sui 2000 metri con 6:36.91, primato personale migliorato di oltre sei secondi; alle spalle di Michieli nona piazza per Adele Badini Confalonieri (CUS Torino), atleta individualista, con 6:44.37. Sui 1200 siepi Anastasia Zucco (Splendor Cossato) è nona in 4:04.06 davanti alla portacolori della rappresentativa Alice Piana (ASD Gravellona VCO) con 4:06.46. Quinto posto nella finale B per Lucia Maria Massano (Sisport) sugli 80hs con 12.58 (-0.9); meglio aveva fatto in batteria correndo in 12.45 (+0.8), suo nuovo primato personale. Nella marcia 13mo posto per Elisa Giuliani (CUS Torino) in 15:18.74.

Dalle pedane dei concorsi nono posto nell’asta per Melodie Gai (CUS Torino) con 3,10 mentre non entra in classifica la sua compagna di club Laura Fornaris, che sbaglia la misura di ingresso a 2,60. Nel salto in lungo Elisa Gallo (Atl. Sprint Libertas Morozzo) con 4,96 (-0.4) è settima e si mette alle spalle la titolare della squadra Sarah Moresco (Atl. Stronese), 11ma con 4,83 (+1.7). Nel triplo 10mo posto per Giorgia Ghibaudo (Atl. Roata Chiusani) con 10,82 (-1.5), 21ma Giulia Schiavoni (Derthona Atletica) con 10,52 (-1.5).

18ma Federica Parigi (Vittorio Alfieri Asti) nel salto in alto con 1,53. Dai lanci, 16mo posto per Angel Nohuwa Osakue (Sisport) nel getto del peso con 9,29 e per Martina Minnella (Atl. Castell’Alfero) nel martello con 39,08; miglior piazzamento per Beatrice Carpinello (ASD Atl. Carmagnola) nel disco con 30 metri. 12mo posto nel giavellotto per Anna Bertin (Atl. Valpellice) con 31,05 metri. Ottava piazza per Tiziana Traverso (Atl. Alessandria) nel pentathlon con 3647 punti (miglior prestazione tecnica 12.72 (+0.8) sugli 80hs.

Sesto posto per la staffetta 4x100 che vede schierate le due medaglie d’oro, Nnachi e Cavo, rispettivamente in prima e terza frazione, insieme a Pejretti e Bertello: 49.25 il tempo finale del quartetto.

UOMINI. Due quarti posti dai lanci oltre all’argento di Miglio. Andrea Baracco (Team Atl. Mercurio Novara) lancia 15,31 ed è a soli 4 centimetri dal podio mentre, nel martello, Filippo Maria Iacocca (Vittorio Alfieri Asti) lancia 55,41 metri. Primo posto nella finale B degli 80 metri per Carlo Celant (ASD Gravellona VCO) con 9.54 (-1.6), meglio in batteria con 9.42 (+0.0), suo nuovo primato personale. Negli 80 extra sesto posto per Vincenzo Martinelli con 9.69 (+0.0). Sui 300hs migliore dei piemontesi è Alberto Poli (Safatletica), ottavo nella finale B con 42.01 (un centesimo peggio delle batterie dove aveva corso in 42.00); alle sue spalle, fuori dalle finali, Nicolò De Lio (Atl. Fossano 75) con 42.62. Nel mezzofondo ottavo posto per Alberto Rolando (Atl. Pinerolo) sui 1000 metri in 2:42.53, suo nuovo primato personale; 7mo Elia Mattio (Pod. Valle Varaita) sui 2000 metri in 5:54.35, primato personale migliorato di circa 10 secondi e vincitore della sua serie. 12mo Edoardo Siliquini (Safatletica) sui 1200 siepi in 3:32.32. 16mo posto nella marcia per Matteo Mandarino (Atl. Team Carignano) con 26:13.20. Dai salti nono posto nell’alto per Simone Menchini (Atl. Stronese) con 1,72 mentre Simone Bertelli (Safatletica) è 14mo con 2,60. Nel lungo 10ma piazza per Dejan Travar (Zegna) con 6,02 (+0.2) mentre nel triplo Federico Bruno (Team Atl. Mercurio Novara) è nono con 12,83 (-3.1). 27mo posto nel giavellotto per Gabriele Costamagna (Atl. Fossano ’75) con 25,20 metri. 
Nell’esathlon settimo posto Ayoub Danoune (Safatletica) con 3831 punti (miglior prestazione tecnica 1,77 nell’alto); alle sue spalle nona piazza per Tommaso Surian (Atl. Castell’Alfero) con 3789 punti e Ty Wallace (CUS Torino), 12mo con 3480 punti.
Squalificato Andrea Fornaro (Bugella Sport) sui 300 metri.
Quinto posto infine per la staffetta 4x100 con l’argento degli ostacoli, Ndongala, in seconda frazione; con lui Martinelli, Menchini e Celant per un crono finale di 44.25.

RISULTATI


la squadra del Piemonte a Rieti


Condividi con
Seguici su: